ingens.it

lunedì, settembre 10, 2007

uno mobile

Grazie alle delibere (seppur tardive) dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, anche in Italia hanno fatto capolino i primi operatori virtuali di telefonia mobile.

Un operatore virtuale è un operatore di telefonia mobile che, a differenza di quelli tradizionali, non possiede una propria rete di trasmissione, ma si appoggia su quelle degli operatori esistenti, acquistando traffico all’ingrosso. In questo modo, l’operatore virtuale può offrire una gamma completa di servizi di telefonia mobile mantenendo il proprio marchio, in modo assolutamente trasparente per il cliente finale. Un operatore mobile virtuale è quindi un operatore di telefonia a tutti gli effetti, con proprie SIM card, offerte prepagate e in abbonamento.

Carrefour, con il marchio Uno Mobile, è uno dei primi operatori virtuali italiani (insieme Coop Voce) e si appoggia alla rete Vodafone. Le sue tariffe si sono dimostrate interessanti così ho deciso di acquistare una SIM e provare sul campo il servizio.

La prima impressione è che siano ancora poco preparati, il sito ufficiale di Uno Mobile è molto essenziale, fornisce informazioni sul servizio ma non è ancora possibile accedere ad un'area riservata ai clienti o ricaricare la propria prepagata on-line. Nel punto vendita vicino casa, dove ho acquistato la SIM, l'impressione è stata la stessa.

La SIM è accompagnata da una foglio su cui è stampata una breve Guida Utente che descrive come consultare il credito telefonico, effettuare ricariche, modificare il PIN o consulare la segreteria telefonica. La guida è scritta anche in Inglese, quest'ultima contiene degli errori di forma come se certe frasi fossero state generate con un traduttore automatico.

La SIM è diventata operativa lunedì mattina (l'ho acquistata di sabato), alla prima utilizzazione viene inviato un SMS con un messaggio di benvenuto e il numero telefonico assegnato, pertanto non c'è possibilità di scelta per il cliente. Il telefono si collega alla rete Vodafone, le funzionalità sono limitate alle chiamate voce e ai brevi messaggi di testo.

lunedì, agosto 27, 2007

an apple in the big apple

Ho passato gli ultimi giorni della mia vacanza a New York, città che adoro. Sulla Fifth Avenue, vicino a Central Park ha aperto da più di un anno uno degli Apple Store più cool del momento (se non sbaglio, è stato inaugurato il 16 Maggio 2006) e non poteva che essere così dato che siamo a New York!

L’ingresso è un cubo in cristallo con la classica mela al centro, entrando si scende di un livello tramite un ascensore cilindrico o una scala che gli gira intorno, tutto rigorosamente in vetro trasparente. All’interno mi sono fatto contagiare, dopo aver provato tutti i gingilli che la Apple commercializza, compreso l’ultimissimo iPhone (si poteva fare ciò che si voleva compreso mandare messaggi e telefonare), mi sono comprato un Mac Mini.

Il computer è un modello di fascia bassa ma per iniziare va più che bene. Stavo meditando già da tempo l’acquisto di un prodotto Apple, così approfittando della debolezza del dollaro ho preso il computerino, l’ho infilato nello zaino e me lo sono portato a casa.

domenica, agosto 26, 2007

i'm not dead

Sono tornato! Avevo trascurato il blog da parecchi mesi, lo so… tutta colpa gli impegni (soprattutto quelli) e la mancanza di tempo, inoltre questo ultimo mese sono stato in vacanza negli Stati Uniti, sebbene avessi portato il computer con me non ho avuto certamente tempo per scrivere alcun post.

Che cosa ho fatto da Maggio? (data dell’ultimo post)

Beh… essenzialmente sono stato sempre in città, dal mese di Aprile ho iniziato a seguire lo sviluppo di un progetto per una rete Wi-Fi che verrà presto messa in funzione alla Scuola Normale.

Alla fine di Luglio sono partito per una lunga vacanza: sono rimasto un mese negli Stati Uniti, prima sulla west-coast e poi toccando alcune principali località della east-coast.

Nella foto: io all’ingresso della sede di Google (appena varcata l’entrata le guardie mi hanno mandato via!).

venerdì, maggio 11, 2007

smiling fiber

Voglio segnalarvi la campagna lanciata da Stefano Quintarelli.

Stefano è un mostro sacro nel panorama delle telecomunicazioni italiane. Fondatore di I.net , ex presidente degli internet service provider. Il suo blog è aperto da meno di un anno, ma è diventato immediatamente il punto di riferimento per gli appassionati di telecomunicazioni.

Proprio dal blog, Quintarelli lancia una campagna al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di ridisegnare la rete del futuro basandola su FTTH ( fibra ottica in casa) piuttosto che sul potenziamento dell’attuale struttura in rame.

Se sei in sintonia con Quintarelli , aderisci anche tu e metti i banner “accesso in rame VDSL? No grazie” con link al Quinta’s Weblog.

venerdì, marzo 09, 2007

university degree


Finalmente!

Clicka qui per vedere le foto della cerimonia >>>

venerdì, febbraio 09, 2007

countdown

Ormai manca solamente un mese, e questo è pure un mese corto...

lunedì, gennaio 22, 2007

one more La Fonera for free

Eccoci con un altro codice promozionale per ricevere La Fonera gratuitamente.

Nello stesso modo del post dell'11 gennaio, invierò via e-mail il codice per acquistare a costo zero La Fonera. Questa offerta è riservata solo ai nuovi membri di FON!

Il primo che lascerà un commento a questo post potrà ricevere la mail per ordinare La Fonera, ricordatevi di indicare un recapito e-mail.

domenica, gennaio 21, 2007

iPhone is everything




Guardare per credere!

venerdì, gennaio 19, 2007

connection fee for skype

Skype ha introdotto lo scatto alla risposta per le sue chiamate verso la rete fissa e mobile attraverso il servizio SkypeOut.

Si tratta di una scelta scellerata. Skype in questi anni ha guadagnato molto consenso tra gli utenti di Internet sebbene il VoIP non sia una gran novità e sebbene Skype utilizzi un protocollo proprietario. Di fatto, grazie al suo programma facile da usa, un'interfaccia piacevole e altri motivi di cui non capisco ancora il motivo, Skype è piaciuto più di altri e utilizzato da milioni di persone.

Almeno ha fatto una cosa buona e giusta: ha permesso di comprendere a tante persone che le telecomunicazioni costano poco e i monopoli di tutto il mondo (non solo da noi in Italia) hanno margini di guadagno incredibili, ma adesso anche loro si sono fatti furbi.

Come tutti i monopolisti mette tariffe e balzelli ingiustificati, come lo scatto alla risposta, un meccanismo deleterio che ha il solo scopo di proclamare una tariffa e applicarne un'altra.

Lo scatto alla risposta servirà solo a svuotare più rapidamente il nostro credito SkypeOut, sappiamo benissimo che non sempre la chiamata effettuata va a buon fine, il collegamento su Internet può interrompersi momentaneamente, esserci cadute di linea, quindi non è così raro dover effettuare più di una chiamata, oggi con costi maggiorati.

E poi non dimentichiamo la perla del balzello sulle ricariche: per acquistare 10 euro di credito SkypeOut devo pagare 11.50 euro. Proprio adesso che la Comunità Europea si è accorta di questo furto lasciato passare per anni, Skype in contro tendenza aggiunge un costo di ricarica?

Temo che presto Skype ci farà pagare le comunicazioni a scatti da 3 minuti anticipati!

giovedì, gennaio 11, 2007

free La Fonera to you

Sono in possesso di un codice promozionale che permette di ricevere La Fonera gratuitamente.

Il codice va utilizzato nella sezione shop del sito di FON: dopo aver completato l'ordine riceverete a casa il piccolo router wi-fi che vi permetterà di condividere la connessione Internet in casa e con gli altri utenti della comunità.

Io ho ricevuto La Fonera due giorni fa, dopo una decina di giorni dal mio ordine, considerando che c'erano anche le feste di mezzo sono stati piuttosto puntuali.

Fatevi sotto, al primo che risponderà a questo post lasciando un commento (e un indirizzo per contattarlo) invierò la mail per accedere allo shop di FON e ordinare l'oggetto, ma solo se non siete foneros... l'offerta è rivolta solo ai nuovi membri!